foca ammaestrata

index

è così,

lo dice tiziano ferro…

è più mi vorrai e meno mi vedrai e meno mi vorrai e più sarò con te…

quindi se le regole sono queste, se una persona ci vuole e ce lo dimostra, noi ci scazziamo subito.

se una persona non ci vuole o ci vuole per metà, noi siamo la, attaccate come un geco alla parete, come una falena alla lampada, sa la falena che si brucerà ma è li che viene attirata.

stiamo li a cercare di creare in lui interesse, lo attiriamo come foche ammaestrate , cercando di essere notate, di essere divertenti, di suscitargli quella voglia di gettarci li quel pesciolino ddi plauso.

e nel contempo non vorremmo farci notare, vorremmo fare le  misteriose, vorremmo susciare in lui vuoto, dubbio ma siccome a lui non gliene po’ fregà de meno, il dubbio viene solo a noi, e quando non ci cerca per due giorni, torniamo li con la nostra palla sul naso ad elemosinare attenzioni, diventando ridicole, pensanti,noiose.

diventiamo delle sceme, spesso per farci notare diciamo cose stupide, inutili , sperro rischiamo solo di dare fastidio, di sembrare delle morte di cazzo che hanno solo lui e pendono dalle sua labbra anzichè sfancularlo e casomai attirare interesse.

quando quelle due spunte diventano blu senza una risposta e noi rosichiamo, pensiamo a quando abbiamo fatto noi le disinteressate  qualche povero trichecho imparava a camminare sulle pinne per far colpo du di noi, a quanto fastidio ci davano quei suoi messaggi, a quanto non sapevamo come scavallarcelo dalla minchia.

ecco noi siamo più o meno così.

fastidiose, inutili zanzare ronzanti per loro che non solo non si sforzano di conoscerci ma aspettano pigramente che il loro comportamento scostante ci fanculizzi in automatico.

sperando che prima o poi noi ci si scocci di stare con ste palle sul naso verso una persona che guarda altrove.

e prima o poi, che lo vogliamo o no ci sentiremo ridicole e ci ritireremo come un ombra.

covando sempre la speranza che il nostro lavoro , che la tela di penelope che noi  tessiamo e lui sfila prima o poi da lui sia ammirata, che prima o poi si accorga di noi, ci tolga la palla dal naso e ci baci trasformandoci da foca a principessa.

disney mi leggi? ho bisogno di una favola così!

Annunci

Informazioni su Emily Dickinside

un diamante dalle mille sfaccettature
Questa voce è stata pubblicata in istruzioni per l'uso. Contrassegna il permalink.

15 risposte a foca ammaestrata

  1. Volevolaprinz ha detto:

    Interessante..quindi per avere la vostra attenzione dobbiamo ignorarvi? Quindi fare lo stronzo paga? Certo che l’amore è davvero strano eh..

  2. Volevolaprinz ha detto:

    Ah ecco…perché gia mi erano venuti i diverticoli eh! Poche strategie e più semplicità nei sentimenti grazie!
    Ps.sarà per quello che acchiappo botte a destra e a manca?

  3. Francesco ha detto:

    In amore vince chi fugge, ma non sempre. Lo ammetto con molta sincerità, in campo sentimentale ottengo di più quando do meno, quando cioè assumo un atteggiamento di sorniona indifferenza. E questa constatazione in un certo senso mi disgusta. Ho impiegato i primi vent’anni della mia vita ad accettare e mettere in pratica questa tecnica stupida, quanto madornalmente efficace, ma devi saperla accettare anche tu. Una cosa ho notato in voi femminucce, una cosa che mi manda in bestia: in fondo tutte quante drammatizzate l’amore oltre ogni umana comprensione, anche se non lo ammettereste mai. Così vi fate sempre del male, oltre a mettervi in secondo piano. Non siete merce, non siete dei tranci di tonno da vendere all’asta al mercato di Tsukiji! Volete veramente un uomo? Cambiate la percezione che lui si è fatta di voi. Fate sparire la foca, dileguatevi dalla sua vita per qualche tempo. Cambiate il vostro look, flirtate con altri tipi, rimettetevi in discussione, mettetelo in difficoltà. E quando vi ripresenterete, vi noterà perché siete diventate delle splendide cerve, delle meravigliose creature da conquistare.
    Questa benedetta seduzione è da fare, non hanno ancora inventato le antenne sbrilluccicose da insetto eccitato. Accettarne e rispettarne le regole, per uomini e per donne, significa fortificare noi stessi, dando un preciso valore alla cazzo di persona che siamo. Soprattutto in tempi come questi, dopo trent’anni di Fininvest, di valori sbagliati – retaggio di una cultura immonda e maschilista, di indottrinamento italiota, dove la mercificazione della creatura “donna” è diventata egemone, ammazzando la gioia dei sentimenti, la bellezza, la gioia e la libertà di darsi all’altro/a senza timore. Questa non è una critica, condivido al 100% quello che scrivi, ma a meno che tu non faccia una seduta spiritica, il vecchio Walt se ne rimarrà su una nuvoletta a disegnare Topolino e Minnie che trombano. 😉

    • easylady ha detto:

      Fra i tuoi commenti sono sempre pertinenti e dolorosi. Io so che in amore vince chi fugge ma non ho voglia di fare stia balletti, apparire, sparire, io voglio essere me, sdolcinata quandp voglio, fredda se mi va, e devo trovare uno che mi prenda così senza farmi sprecare energie ma facendomele utilizzare per altro

    • easylady ha detto:

      Ma soprattutto se a lui non interessato o non lo è molto, se ci allontaniamo, flirtiamo con altri, lui non si avvicina ma secondo me si leva un peso!

  4. Francesco ha detto:

    Guarda non ne so molto di seduzione femminile, dico solo che conquistare il cuore dell’altro/a dipende molto dal rapporto che abbiamo con noi stessi. Cerco di mettermi nei panni di una donna che come te é stanca di investire continuamente energie nella ricerca di un uomo di valore, e che si deve confrontare con un mondo di ometti sempre piú narcisista e superficiale, a volte schizofrenico. Però guarda, abbiamo un po’ tutti la sensazione di essere nelle stesse pezze. Vogliamo innamorarci e vivere con semplicitá, ma soprattutto serenamente, senza dover dimostrare niente a nessuno, senza sentirci sotto esame. Ho un amico psicoterapeuta che si stupiva per la quantitá di donne e uomini disperati, perché non trovano un compagno/a. L’amore é accettazione incondizionata, forse questa definizione non entra in testa alle persone o la crisi ha reso tutti piú fragili e riluttanti e, di conseguenza, la maggior parte dei giovani – soprattutto uomini- temporeggiano per recuperare il tempo perso. Non lo so, e non lo voglio sapere. Io ho smesso di preoccuparmene, mi interessa solo migliorare me stesso, concentrarmi sul mio futuro e la mia serenitá. Cerco di infondere questo coraggio anche nelle persone con le quale si instaura un rapporto di reciproca stima, dal vivo o online. Sono arcisicuro che tutto quello che dedichiamo a noi stessi, in termini di positivitá e fiducia, alla fine ritornerá in termini di maggior attrazione verso gli altri. Che ne pensi?

    • easylady ha detto:

      Che è vero in parte, io mi coccolo, mi amo, mi apprezzo mi reputo forte e fortunata ma non trovo una persona disposta a sbilanciarsi ad essere attratta da qualcosa che non sia l’aspetto erotico. È snervante, deprimente, frustrante. Ma per fortuna non me ne faccio una malattia, gioco, mi diverto e studio questo mondo strano che influenza tutta la nostra vita ogni giorno

  5. ilgattosyl ha detto:

    d’altronde si sa…tira più un pelo di foca….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...