mi sa che non voglio figli

no-kids

Sto per confessare qualcosa che potrebbe sconvolgervi. Siete pronti? Siete seduti? Bene.

Non voglio avere bambini.

Lasciatemi spiegare, non sto dicendo che non li voglio adesso, né che li vorrò solo dopo il matrimonio o dopo aver comprato una casa. Non ci sono eccezioni a questa dichiarazione.

Non voglio avere figli, mai.

Se devo essere onesta, è soprattutto perché non mi piacciono i bambini e non sono brava con loro. Ho passato la mia vita da figlia unica e l’ho adorata. Potrei essere il simbolo della “Sindrome del figlio unico”: viziata, concentrata sui miei obiettivi, impaziente ecc. Per questo non ho una grande esperienza con i bambini. Non amo prendere in braccio un neonato, spesso mi sento a disagio con loro, non so come interagire con un ragazzino sotto i 12 anni. I bambini sono un mistero per me.

La mia infanzia solitaria mi ha anche reso introversa ed egoista. Riconosco che non è una combinazione vincente se ti ritrovi a dover sacrificare i tuoi bisogni per badare a un altro essere umano che non sa ancora cavarsela da solo. Non ho alcun desiderio di cambiare, questo è ciò che sono e mi piace. Mi piace la mia vita attuale e quella senza figli che immagino per il mio futuro.

Non intendo scagliarmi contro quanti hanno dei figli. Se è questo quello che vogliono, sono liberi di averlo. Essere genitore è straordinario e ti fa sentire completo e felice. Insomma è fantastico, ma non è per tutti.

Viviamo in una società dove è dato per scontato che il desiderio “prestabilito” di una donna sia avere un figlio. Mettere al mondo la prole è direttamente collegato all’essere donna e a quello che una donna “dovrebbe” diventare, così tanto che, se non vuole avere figli, si pensa che abbia qualcosa di sbagliato. Non ha seguito le norme sociali che determinano ciò che ci si aspetta da lei, ergo è “difettosa”, vale meno delle donne che hanno deciso di far funzionare a pieno il loro apparato riproduttivo. o peggio, è confusa su suoi stessi desideri, non conosce a pieno sé stessa e con il tempo cambierà idea.

Non tutte le donne possono avere bambini, così come non tutti coloro che possono averne sono donne. Gli stereotipi come questi, legati al genere sessuale, sono molto pericolosi perché rifiutano di guardare oltre il percorso prestabilito, che diventa molto selettivo per coloro che non ci rientrano alla perfezione.

Maturando la decisione di non volere figli, durante l’adolescenza e negli ultimi anni, ho assorbito involontariamente molte di queste idee su chi “dovrei” essere in quanto donna, e su cosa “dovrei” desiderare e sentire. Si parla tanto di quest’istinto materno che le donne in età fertile dovrebbero avvertite e del loro desiderio di famiglia. Io non ho provato nulla di tutto questo. Rifiutavo il pensiero di avere un figlio invece di sentirmi appagata. Non capivo. Cosa c’era di sbagliato in me?

Poi, circa un anno fa, la scioccante rivelazione:

Non c’è proprio nulla di sbagliato in me.

Non voglio avere figli, va bene così. In fin dei conti, questo non mi rende meno donna Non sono sbagliata. Non sono in errore. Conosco me stessa, ho il mio valore come persona, unica e autonoma, e questo valore non dipende dal fatto che usi il mio corpo per riprodurmi. Non desiderare la maternità non mi rende migliore o peggiore di chi vuole avere figli. È una scelta che ho fatto per me stessa e non è meno valida della scelta di essere madre. Questa questione arriva al cuore del femminismo perché riguarda la libertà di prendere decisioni senza essere giudicata.

e io, a meno di sveglie biologiche in ritardo, mi sa che ho preso la mia decisione.

Annunci

Informazioni su Emily Dickinside

un diamante dalle mille sfaccettature
Questa voce è stata pubblicata in istruzioni per l'uso. Contrassegna il permalink.

44 risposte a mi sa che non voglio figli

  1. Carlo Galli ha detto:

    Questa decisione la vedo normalissima… se è quello che senti è la coda giusta 😉

  2. magari ogni donna prima di rimanere incinta ci pensasse almeno il tempo di leggere il tuo post… magari si chiedessero se è davvero la cosa giusta…
    avremo meno nascite ancora si..
    ma come si dice… la mamma dei deficienti è sempre incinta…
    si arginerebbe il problema in modo naturale
    solo con un pò di auto analisi
    e i figli nati probabilmente non avrebbero tante paturnie….
    e il mondo ringrazierebbe, non siamo tutti uguali x fortuna
    ed ognuno di noi deve assecondare la propria indole
    per non avere frustrazioni e problemi in seguito.
    ti stimo.

  3. Il Pinza ha detto:

    Ahahah…..sai quante ne ho sentite nella mia vita? Intendo di ragazze che assolutamente non volevano avere figli!!! Ma anche fra i miei amici, di quelli che odiavano i bambini, di quelli che davano i calcetti alle piccole pesti in coda in posta, chi non sopportava di sentirli piangere nei ristoranti. Quelli che criticavano criticavano e criticavano. Poi hanno fatto tutti la stessa fine con uno, due o addirittura anche tre pargoli.

    Nella vita mai dire mai, ti ritroverai spostata con un separato che avrà già un paio di figli suoi e te ne farà partorire un altro paio a te….. ahahahah!!!!!

  4. cristinadellamore ha detto:

    Mi pare più che giusto: deve essere una scelta, non un obbligo per qualche ragione – sociale, biologica o di altro tipo.
    Io, figlia unica con alle spalle un bel po’ di problemi d’infanzia, e mia moglie, sorella minore del maschietto di casa, figli li vogliamo: uno a testa, possibilmente assieme

  5. pornoscintille ha detto:

    I figli si fanno per una sola ragione: non ci si ferma a pensare.

  6. Fasix ha detto:

    Non mi permetto di giudicare, anche se già scrivendo qualcosa do un mio parere o giudizio che sia. Rispetto la tua decisione e da NON padre la capisco. Però a volte credimi ci si sente davvero incompleti. Un bacio e davvero di cuore Fabio.

  7. Papillon1961 ha detto:

    Su ste cose la scelta è soggettiva. Normale.

  8. Volevolaprinz ha detto:

    Legittimo. Scelta personale non discutibile,al di là del proprio pensiero. Ci vuole coraggio per ammetterlo a se stessi e agli altri. Stima.

  9. Volevolaprinz ha detto:

    Si ma non ci prendere l’abitudine eh 😁😁😁

  10. "Cippe's" ha detto:

    Io invece , differentemente da te, fino a qualche anno fa odiavo i bambini. All’università, il primo indirizzo che scartai fu psicologia dell’età evolutiva. I bambini? No no fanno per me pensavo. Ma piano piano mi accorsi che invece li attiravo. Qualsiasi bambino, di qualsiasi età si innamorava di me. Ho scoperto di saperci fare. Oggi faccio un lavoro in cui ho a che fare con i bambini, che mi adorano…e io adoro. Con questo non sto giudicando la tua scelta…anzi, sei sincera e da stimare. A volte anch’io mi chiedo se li voglio o meno, per ora mi godo i”miei cuccioli” poi chissà…magari se non sarà troppo tardi due gemelli arriveranno! 😀 Dove sta scritto poi che se si è donne si deve per forza desiderare di avere un figlio? Conosco tante donne felici che non ne hanno voluti. 😉

  11. Laura ha detto:

    E’ una tua scelta e come hai scritto tu, non c’e’ nulla di sbagliato in te, un abbraccio cara, passa un bel weekend, ❤

  12. ilgattosyl ha detto:

    scelte….chi crede in dio, chi preferisce i capelli corti, chi non prende un aereo nemmeno pagato….fortunatamente ci hanno dotati di libero arbitrio e ben venga la possibilità di esercitarlo…
    PS poi torno e vedo di scrivere qualche minchiata…. 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...