20 anni fa

Non sono Emily la padrona di casa, anche perché, per quato mi riguarda, il “dick” non è inside (brrr – rabbrividisco) ma fortunatamente outside.
Oltretutto, vista la TENERISSIMA età della proprietaria, l’unica ricorrenza ventennale che potrebbe festeggiare è il suo primo 10 preso alle elementari (già, sono convinto che sia sempre stata una secchiona).
È strano come certi ricordi riemergano improvvisi e inaspettati, spinti fuori da una circostanza assolutamente non collegata. Un po’ come l’acqua del lavandino che ritorna su invece di scendere nello scarico, senza che tu possa spiegarti il perché di una cosa così improvvisa.
L’occasione è stata il calcio. Da juventino non praticante (nel senso che vedo le partite quando posso e senza rinunciare ad altre cose più interessanti), mi stavo godendo la vittoria della coppa Italia, quando sento che era dal 1995 che la Juve non ne vinceva una.

1995

20 anni fa.

20 anni fa accadde qualcosa che mi ha stravolto la vita. Naturalmente mi riferisco all’incontro con una donna e, naturalmente, non asseconderò le vostre tendenze “gossippare” parlandovi di quanto accaduto allora per un tempo abbastanza lungo.
Però il ricordo di quella parentesi della mia vita è ancora vivo e forte. Le emozioni invece no. O meglio, è ancora fortissimo il ricordo delle emozioni vissute, ma è, appunto, solo un ricordo. Un incontro talmente intenso che, di quel periodo, non ho altri ricordi se non quelli legati a lei. Sono quasi certo che non ci sia stata alcuna guerra mondiale, ma dico “quasi” perchè se fosse avvenuta probabilmente non me ne sarei accorto.
Ricordo gli incontri, i sotterfugi, gli attimi rubati, la sensazione di completezza, di orgoglio ma anche di struggimento, di privazione. E ricordo le difficoltà pratiche. Eh già, nel 1995 non esistevano i cellulari (o meglio, esistevano ma costavano quanto un’auto e per telefonare dovevi rinunciare alle vacanze alle maldive) e riuscire a darsi un appuntamento (clandestino ovviamente, ormai lo avrete capito) era di una difficoltà estrema.
La cosa curiosa è che oltre al fatto di aver scoperto la differenza tra un amore adolescenziale e uno adulto, quella storia non mi ha dato altro. Nessuna grande lezione di vita, non ho svelato alcun grande mistero dell’universo, probabilmente non sono neanche cresciuto come persona. Eppure quella donna è ancora lì, e ogni tanto fa capolino nella mia mente (non nel cuore) quando mi distraggo un po’.
Io sono ancora innamorato di quella donna naturalmente, ma so anche che sono innamorato della donna e della storia che ho vissuto 20 anni fa.
L’ho incontrata talvolta in questo lasso di tempo, ma non c’è stata alcuna emozione particolare, alcun tuffo al cuore, da parte di entrambi (almeno credo). Un po’ come le vecchie cicatrici rimarginate, che sono lì comunque, e delle quali ti ricordi quando casualmente ci passi il dito sopra. Ma non fanno più male.

E poi è finita. Perché è finita? Perché si. Perché non poteva continuare. Non c’era un futuro, non c’era un passato da costruire giorno per giorno. Non esisteva, prima di tutto, il “giorno per giorno”. Semplicemente, un giorno, mi ha detto basta. E quella volta ho capito che non era uno di quelli detti per farle cambiare idea. Non era un “finiamola qui però tu convincimi del contrario”. E forse, quel giorno, ho capito che aveva ragione lei, che era giusto così. Perciò è finita così, stranamente senza rimorsi né rimpianti, senza voglia di tornare indietro, senza la volontà di andare avanti.
Ovviamente tutto ciò che restava era la totale devastazione. Ho passato gli anni successivi a cercarla nelle giornate che vivevo e nelle donne che incontravo, con la sua presente assenza che inquinava ogni nuova emozione. Ma, comunque, va bene così (ormai posso dirlo).
Questa è un’esperienza, vissuta dall’inizio alla fine, che tutti dovrebbero vivere almeno una volta nella vita, ma che non auguro a nessuno.

E poi. Poi è andata via anche dal mio cuore, senza rancore, senza alcun senso di liberazione, senza addii. Semplicemente ho fatto un passo avanti, anche grazie all’incontro con la DONNA “giusta”.

Ma ogni tanto, rileggendo qualche mia vecchia poesia o ascoltando modi di dire che suonano tanto familiari, o anche compiacendomi per una vittoria calcistica avvenuta dopo tanti anni, incidentalmente passo il dito su quella cicatrice rimarginata.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in istruzioni per l'uso. Contrassegna il permalink.

50 risposte a 20 anni fa

  1. avvocatolo ha detto:

    E tu adesso chi caxxx sei e da dove spunti?

    • Pensieri Liberi ha detto:

      eh eh eh, potrei farti la stessa domanda

      • avvocatolo ha detto:

        Ma io parlavo col dick outside che ha scritto il post!

      • Pensieri Liberi ha detto:

        son sempre io, il dick (quasi orgogliosamente 😉 ) outside
        son qui

      • avvocatolo ha detto:

        Ma la smetti di cambiare nickazzo!

      • Pensieri Liberi ha detto:

        aspetta, ricominciamo. NON sono emily, SONO coLUI che ha scritto il post, sto usando (o almeno credo) sempre lo stesso nick
        ora possiamo andare avanti (FORSE, anche perchè inizio a confondermi anche io)

      • avvocatolo ha detto:

        Ahhaahah ahahahaha ma perché se tu hai nick diverso mi appare come tuo blog il suo? Suo di lei….lei non tu ma lei lei….Emily….pensieri liberi i miei….lo sapevo che non dovevo leccare quei funghi…

      • Pensieri Liberi ha detto:

        cristo…… passane un po’ anche a me di quei funghi perché adesso mi servono proprio ahahah
        forse perché faccio l’amministratore di questo “condominio/blog” 😉

      • avvocatolo ha detto:

        Pensieri liberi spiegaci ti prego spiegaci cosa hai fatto di male nelle tue ultime 200 vite per meritare la tortura di amministrare il blog di Emily MinchiaMind…qualsiasi cosa significhi amministrare un blog (dai refusi che leggo sicuro non significa correggere le bozze 😼)

      • Pensieri Liberi ha detto:

        e invece tutto è partito proprio dalla correzione delle bozze. Ma, come avrai ben capito è un lavoro sfiancante e usurante. Quindi, ogni tanto, ho bisogno di momenti di pausa, uscire dallo scantinato dove mi rinchiude, e lasciarla annegare nei suoi refusi 😀

      • avvocatolo ha detto:

        Ps e non chiamarmi cristo mi pare eccessivo…tutt’al più Padre…

      • Pensieri Liberi ha detto:

        devono essere stati i funghi, ho avuto delle “fantozziane” visioni mistiche
        sua eminenza va bene?

      • avvocatolo ha detto:

        Ahhahahaha va bene anche sua minchienza 😸

      • Pensieri Liberi ha detto:

        io e le minchie (tranne la mia ovviamente) abbiamo cattivi rapporti, diciamo che non ci inculiamo ahahah
        propongo un “vostro onore” (così evitiamo anche la blasfemia)

      • avvocatolo ha detto:

        Stabbene. Non lei. Ma esso. Capisci il nesso o sei fesso lesso? Se solo so. Sessoloso. Ok. No funghi. Segnato. No funghi no sbally.

      • Pensieri Liberi ha detto:

        posso darti anche del “coloro” se vuoi. Comuque non sono solo i funghi, c’è anche altro molto più pesante. Sembrano i dialoghi di uno dei cartoni animati che guardano i miei figli

      • avvocatolo ha detto:

        Hai ragione sembrano proprio quei dialoghi sembrano…si sembrano…ma di preciso….loro chi?👲

      • Pensieri Liberi ha detto:

        posso farti un elenco lunghissimo. Da Gumball a Adventure Time. Ma forse sto ancora cercando di risponderti razionalmente, probabilmente è questo il mio errori ahaah

      • avvocatolo ha detto:

        Si infatti….il loro di cui ti chiedevo era riferito al tuo “sembrano” 😹

      • Pensieri Liberi ha detto:

        non ho mai usato sostanze stupefacenti, ma adesso ne sento un disperato bisogno ahaha

      • avvocatolo ha detto:

        Puoi leccare le pareti del mio blog. Ce n’è abbastanza da stordire la dea Khali…

      • Pensieri Liberi ha detto:

        lo so, ho visto. Potresti essere denunciato per traffico internazionale di droga, lo sai vero?

      • avvocatolo ha detto:

        Ahhahaahh ahahah o per traffico interrotto 😂😂

      • Pensieri Liberi ha detto:

        finchè è il traffico va bene, l’importante è che sia il coito interrotto ahaah
        (ormai sto delirando….)

  2. Silvia ha detto:

    Comunque sia andata e comunque sia stato farà sempre parte del tuo passato, un pezzo di vita, e come tale è normale che ogni tanto ritorni alla memoria. Bel post, buona giornata!

    Date: Fri, 22 May 2015 07:30:09 +0000 To: silvia-1959@live.it

    • Pensieri Liberi ha detto:

      hai ragione,
      per fortuna è un passato che, ormai, posso guardare con sguardo sereno e animo leggero
      grazie, buona giornata anche a te 🙂

  3. Gigi Atene ha detto:

    Ussignur!!! Blog hackerato o collettivo?!?
    O personalità multiple?!?
    E, per citare i grandi “Ricchi e Poveri: che confusione…
    Ahahahah 😀

    • Pensieri Liberi ha detto:

      oddio no, adesso mi hai lasciato il motivetto in mente, cazz…pita 😀
      nessun hackeraggio, aiuto la padrona nell’amministrazione del blog e, ogni tanto, contribuisco con qualche scritto
      non “confusionatevi” 😛

  4. Gigi Atene ha detto:

    Comunque un bel post… 😉

  5. quindi è ufficiale, Emily ha perso le chiavi… senza forse 😛
    ps: belle o brutte le esperienze entrano a far parte integrante di quel che siamo, così le persone con cui le abbiamo condivise

  6. enricogarrou ha detto:

    Ti capisco benissimo, hai descritto una situazione anche da me vissuta. Un saluto

    • Pensieri Liberi ha detto:

      beh sai, per quanto possa essere speciale e unica per ognuno di noi, in fondo si tratta di una situazione abbastanza “banale”
      un saluto anche a te 🙂

  7. skeria88 ha detto:

    Anche io sono confusa…quindi tu e Emily vi conoscete?
    E è lei quella di cui parli in questo post?

    • Pensieri Liberi ha detto:

      ci conosciamo solo virtualmente e certamente non è lei la protagonista di questo post. Anche perché, vista la sua età (e la mia) avrei confessato un vergognoso caso di pedofilia 😀

      • skeria88 ha detto:

        Ah ok, non so quanti anni abbia lei, ne quanti ne abbia tu… comunque bello il post.
        Esperienze come queste è difficile dimenticarle, anzi credo proprio che ricordarle col senno di poi sia la cosa più piacevole in assoluto 🙂

      • Pensieri Liberi ha detto:

        lei ne ha una trentina, almeno a giudicare da quello che scrive nei post, sperando che non menta (stavolta mi ammazza 😀 )
        quanto tutto è passato e metabolizzato, anche gli errori e le occasioni perse, è piacevole, hai ragione.
        In fondo è quello che anche tu stai facendo (almeno credo) nei tuoi ultimi post 🙂

      • skeria88 ha detto:

        Si diciamo che arriva un momento in cui ce la fai a parlarne, quando non brucia più così tanto e provo un piacere diverso a ricordare… senza amarezza.
        Con qualcosa/qualcuno in meno, e qualcosa in più.

      • Pensieri Liberi ha detto:

        il bello di quel momento, quando (finalmente) arriva, è che non senti più la privazione del “qualcuno/a” in questione. E forse (dico forse) neanche del qualcosa in più. Semplicemente guardi a quel particolare periodo della tua vita e capisci che, tra alti e bassi, ha meritato di essere vissuta

      • Pensieri Liberi ha detto:

        dimenticavo di dire che io ne ho quasi una ventina in più di anni 😉

  8. entomotimica ha detto:

    “Questa è un’esperienza, vissuta dall’inizio alla fine, che tutti dovrebbero vivere almeno una volta nella vita, ma che non auguro a nessuno”: che palle, questa doveva venire in mente a me!!

    PS: quindi le hai trovate tu, le chiavi di Emily??

    • Pensieri Liberi ha detto:

      le chiavi di Emily sono ormai perse in quella dimensione spazio-temporale dove vanno a nascondersi le cose che cerchiamo ma non vogliamo trovare. Il posto più probabile è la borsa di una donna 😀
      per quanto riguarda la frase non c’è problema, applico royalties molto basse se vuoi puoi utilizzarla, dommi dove mandarti l’Iban 😉

  9. Emily Dickinside ha detto:

    Comunque non sono stata mai secchiona! Sempre media del 7! Mi mancavi amministratore

  10. Pensieri Liberi ha detto:

    ah! quindi da bambina eri normale ahahah 😛

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...