Eutanasia sentimentale

Nei tempi passati,per far nascere una relazione, quando una persona si conosceva subito dal vivo, esistevano due tipi di esiti:
Mi piace, spero ricambi, devo avere il suo numero.
Oppure non mi piace, spero di non piacere a lei altrimenti s’accolla!
Adesso, con le nuove conoscenze on line, le cose sono un po’ cambiate: il numero di telefono si ha subito con la possibilità/problema che ci si conosce per iscritto e si finisce a dire banalità che annoiano.
Con questo tipo di conoscenza, dicevo esiste un esito in più oltre il mi piaci frequentiamoci, il non mi piaci non averne a male, esiste la terra di mezzo.
Una cosa che proprio mi fa sanguinare i neuroni! Una cosa che non concepisco! Ma alla quale per evoluzione della specie, ci dobbiamo piegare ed è facilmente riassumibile così:
Non mi fai schifo, ma non sei la donna con cui mi fidanzerei. In ogni caso hai del potenziale interessante e ci si può vedere.
Eccoti racchiusa in un limbo ignoto. E quindi che sono? Non mi hai scagata ne ho la possibilità di farti innamorare. Allora per quale minchia di motivo ci dovremmo vedere?
Per passare momenti piacevoli?
Emozionarci?
Fare sesso?
Tenere le sensazioni in allenamento?
Per non passare il sabato da soli in attesa dell’uomo o donna che ci rapisca il cuore?
Insomma una relazione vuoto a perdere!
Un ammortizzatore!
E se uno dei due prova di più? Sa che sarà destinato a restare di passaggio fino a quando una non lo rapisca!
Stare con una persona che non ci da speranza!
Che poi la donna, a lungo andare inizia a legarsi anche a questo tipo, ad amare i suoi difetti ed è pronta a buttarsi, a tentare, l’uomo no! Passa tempo in attesa della venuta! Lui è felice di ammortizzare la solitudine con una birra e due chiacchiere con te, molte volte manco la trombatina ti chiede.
E ti dice che hai potenziale ma non sarete mai una coppia.
E tu sai che ha ragione e che non te ne fotte un cazzo. Ma per noi è comunque una cosa inaccettabile, facciamo fatica, non abbiamo gli enzimi per digerirla, noi, anche se siamo le prime a non esserci prese del tipo, vogliamo sentirci uniche, importanti , piene di speranza.
Alla fine la terra sconosciuta la accettiamo, ci proviamo, ma saremo sempre infastidite, a disagio restando su una conoscenza superficiale che non portera’ mai ad un vero equilibrio e finiremo per mandare tutto a fanculo.
Senza neppure una vera e propria rottura, solo una EUTANASIA SENTIMENTALE.
Ma non era più bello il caro vecchio biglietto col ti vuoi mettere con me?
E poi quel che succedeva succedeva!?
E magari si soffriva sulle note di Masini?
Siamo cosi fragili da avere paura di soffrire per tentare la cosa più bella che c’è?
Siamo diventati intolleranti al lattosio, precari al lavoro e incapaci di prendere responsabilità sentimentali.

Annunci

Informazioni su Emily Dickinside

un diamante dalle mille sfaccettature
Questa voce è stata pubblicata in istruzioni per l'uso. Contrassegna il permalink.

25 risposte a Eutanasia sentimentale

  1. Dave Brick Pinza ha detto:

    Passi dal diritto a darla come non ci fosse un domani all’eutanasia del sesso in una storia senza un domani. Deciditi, dalla a tutti o aspetta la storia importante! 🙂 Importante…. ti fai vecchia…. una storia con una speranza….

  2. TADS ha detto:

    mi sfugge una logica, per quale ragione una persona dovrebbe perdere tempo in compagnia di un soggetto versione: “Non mi fai schifo, ma non sei la donna con cui mi fidanzerei. In ogni caso hai del potenziale interessante e ci si può vedere???”. come dire: “stai lì in stand by che se non trovo niente di meglio ti do una passatina, giusto per conciliare il sonno e salvare una serata di merda”.
    il mondo è popolato da oltre 7.200.000.000 di esseri umani, non mi pare manchi la scelta.

    • Dave Brick Pinza ha detto:

      Me lo chiedo anch’io, nessuno merita un trattamento simile…. ma la speranza è sempre l’ultima a morire.

    • Emily Dickinside ha detto:

      È bello scrivere qualcosa e ricevere i vostri commenti mi aprite una finestra sul mondo. Esatto tads. È proprio tutto strano ma siamo fatti così

      • TADS ha detto:

        lo so che siete fatte così, lo so da decenni, forzate il rapporto illudendovi di farlo innamorare, lui scopa e poi si dilegua (come aveva preannunciato) lasciandovi nella disperazione a lanciare improperi contro gli uomini stronzi e bastardi, è un film vecchio come il cucco.

      • Emily Dickinside ha detto:

        Non sempre molte volte non ce ne frega nulla manco a noi ma ce lo imponiamo! Come quando ci sono le mele in offerta ma sono di seconda scelta ce ne carichiamo comunque 7 kg che poi si pensa… Mal che vada facciamo una torta se vanno a male

      • TADS ha detto:

        che torta ci fate quando vi ritrovate sole in paranoia???
        mi stai molto simpatica ma stavolta non concordo, imporsi un rapporto, magari palesemente senza futuro e a rischio coinvolgimento, non è esattamente la cosa più giusta.

        tra uomini e donne esistono una miriade di differenze, una su tutte, l’uomo scopa o tenta di farlo quando trova una donna che lo attizza, le donne scopano o tentano di farlo per una sequela interminabile di motivazioni cervellotiche che spesso manco aumentano il tasso di umidità. Il concetto del “potenziale” che hai espresso nel post è prettamente femminile, non maschile, l’uomo ambisce a coricarsi con la realtà, la donna ambisce a coricarsi con delle proiezioni che spesso non corrispondono alla realtà.

      • Emily Dickinside ha detto:

        Ero ironica!/purtroppo concordo pienamente! Ma capita, lo facciamo. Siamo delle sciocche illuse. Ma la colpa è della disney e dei sogni romantici

      • TADS ha detto:

        apprezzo moltissimo la tua onestà intellettuale 😉

      • Emily Dickinside ha detto:

        Grazie! Solo quella mi è rimasta. Ma la uso per il blog. Dentro mi mento pure io! Evvivaaaaa

  3. Frank ha detto:

    Ascolta Tads. Riflettete sulla vostra mania di darla a chi vuole portarvi a letto, per poi alzare i tacchi dopo un nanosecondo: vi ha già inviato tutti i segnali a tempo debito!! Certo, dopo i 30 anni la donna fa più fatica a trovare un uomo serio. Tendenzialmente trova uomini-ragazzini ruttobirra, con le mutande sporche addosso da un mese, perché la lavatrice si è rotta. Uomini che non sanno compilare un vaglia postale e saltare 2 uova in padella e che con le donne vogliono solo il “plug and play”. Capisco il vostro sdegno, ma non approvo le vostre lamentele.
    Per contro noi tutti dobbiamo fare i conti con la vostra natura instabile, aleatoria come un navigatore craccato dai marocchini. Così fottutamente starato da guidarvi, con una precisione millimetrica, SEMPRE E SOLO verso uomini imbecilli e inetti. Passate la vita a lamentarvi e non riuscite a fidarvi del vostro istinto (che non ha sede nel cervello).

    • Emily Dickinside ha detto:

      l’istinto lo seguiamo , eccome! ma ogni tanto ci piace sbagliarci per spirito masochistico, per avere anche noi le nsotre tacche sulla cintura per avere qualcosa di cui lamentarci che è, la parte più bella di una avventura!
      lasciateci essere svampite, lasciateci darla ai maschi sbagliati, tanto sappiamo bene che ogni cosa andrà come deve andare… ma senza errori, senza palestra non si capisce il bello della varietà del mondo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...