Omertà di coppia

le amiche , le ammazzerei! arrivano con la soluzione quando tu hai già commesso tutti i tuoi guai.

ma mica lo sanno, anzi, se lo avessero saputo ti avrebbero frenato in tempo, ti avrebbero imbavagliato e legato così da tenerti ferma e zitta ed evitare di farti mandare a puttane le cose per errori di calcolo. calcolo che tu coinvolta non fai mentre loro da esterne si.

loro sono quelle che ti spostano i suini dagli occhi per farti vedere, quelle che non si incazzano se fai esattamente quello che loro ti hanno detto di non fare e che ti raccolgono col cucchiaio quando hai la consistenza di un mottarello sotto al sole!

oggi ne impariamo un’ altra

per gli uomini il fatto che tu parli di loro, di voi, della coppia, di ciò che è successo, è una cosa abominevole, loro sentono violata la loro privacy, mettendoli alla mercee non si sentono più speciali.  loro infatti, a meno che, andare a raccontare di essersi scopati la figa spaziale di cui poi non gli fotte sega, non parlano mai della donna a cui sono interessati. e noi ci incazziamo perché vorremmo essere pubbliche ed approvate anche se siamo timide e riservate.

ecco, grazie A., mi arrivi dopo che ho fatto una cagata pazzesca a riguardo.

perchè non me ne hai parlato!?

perché ero stanca di massacrarvi sempre il cervello su una cosa e ho cercato un nuovo porto che mi accogliesse. questo porto mi ha messa a mio agio, mi ha raccontato le sue cose e solo dopo io mi sono lasciata andare alle mie confidenze, ho raccontato di noi, si ma dalla parte mia eh,  sentivo che con lui era ormai tutto perso quindi, anche se questa persona era una amica in comune, mi sono lasciata andare. non perché lei intervenisse, ma per avere un parere da chi lo poteva conoscere meglio. ovviamente siccome il karma è fottuto e bastardo, io non ho preso l’amica ma la nemica!

odddddiooooooo

si si, la volpe furba che non aspettava altro che l’ennesimo agnellino cadesse nella sua trappola, e io ci sono cascata a piombo! me lo ha smerdato tanto che per due giorni non l’ho voluto manco pensare, forse mi era servita questa lavata di capo genuina o no.

e poi?

e poi lui lo ha saputo e mi ha cazziata, è rimasto deluso, offeso, ha perso fiducia e mi ha dato della frivola nonché mettermi un fottuto terrore nelle ossa per giorni. e devo pure tacere perché ha ragione. dovevo stare zitta ed inghiottire ogni cosa. non devo sfogare, non mi era concesso. non con lei. dovevo saperlo…

no, non potevi saperlo, doveva essere lui a metterti in guardia ma ormai è fatta. se lui capisce tanto di guadagnato se non capisce, meglio così. abbiamo una scusa per levarcelo davanti, testa quadra ed ottusità! del resto ricorda cara, se tu che insegni a noi che le coppie migliori sono quelle silenziose, quelle invisibili, quelle che passano inosservate, sei tu che hai vantato per anni una relazione dove nessuno capiva nulla e voi vi amavate anche con gli occhi a distanza e ora mi vieni a fare la tamarra dei quartieri popolari e racconti tutto? non ti riconosco.

dovevo chiedere aiuto. tutto qui, stavo affogando e avevo bisogno di aggrapparmi, non pensavo che la mano tesa fosse quella di una persona che poi una volta portata a riva, mi insabbiava. mi sto rincoglionendo, con la vecchiaia non ho discernimento.

non si chiama vecchiaia si chiama perdere la testa e tu cara mia cinica dura signorina Rottermeier l’ha persa. devi stare zitta, devi parlare al massimo con te stessa.  devi diventare omertosa. devi essere gelosa e possessiva delle cose preziose che hai. ormai lo hai perso, fai finta che sia un braccialetto. ma se torna, se torna….stai zitta e ferma.

omertosa e mafiosa. immobile come un la pupa del boss di quartiere a guardarlo tra una pianta di basilico e il sole cocente.

i cazzi vostri, solo voi e piuttosto sputi un polmone ma non devi parlarne con nessuno fino a quando non lo vuoi cancellare, devastare, massacrare, e a quel punto chiedi aiuto a tutti, che non solo te lo facciamo dimenticare, lo andiamo a prendere fino sottocasa a fargli la cosa che più detesta, ecco cosa detesta?

le smancerie!

bene. andiamo in sette a fargli puccypuccy sotto al collo fino a farlo cedere.

senza di te sarei una palla pazza che sbatte ovunque senza una mano che la riprende e le da nuova spinta.

tu sei palla e pazza a prescindere e vuoi farti frullare di proposito perché sai vivere solo inquieta.

Annunci

Informazioni su Emily Dickinside

un diamante dalle mille sfaccettature
Questa voce è stata pubblicata in istruzioni per l'uso. Contrassegna il permalink.

32 risposte a Omertà di coppia

  1. Raul111 ha detto:

    Avevi bisogno di parlarne, d’accordo era la persona sbagliata
    ma infondo non credo debba essere questo a tormentarti,
    penso ci sia molto di più, o magari di meno.
    Buona giornata.

  2. ysingrinus ha detto:

    Accidenti, posso solo concludere che siamo tutti piú rincoglioniti di quanto crediamo!

  3. Emily Dickinside ha detto:

    Mutismo selettivo mode one

  4. colpoditacco ha detto:

    Impara da me… io parlo delle mie cose con al massimo 2-3 amiche, forse sbaglio perché ho sempre gli stessi pareri e le stesse opinioni… ma è più forte di me.
    Ora ti saluto che devo passare la seconda mano di smalto 😂😂😂😂

  5. Dora Buonfino ha detto:

    Non ha importanza con chi ne hai parlato e come, quello che interessa a lui è che l’hai fatto. Così come sarebbe stato negativo (ai suoi occhi) qualsiasi altro tuo comportamento…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...