Senzamore

basta basta basta e basta non voglio amare più.

ma che dici

si si, finita con lui non ho voglia di ricominciare, mettermi su piazza, raccontarmi di nuovo, fidarmi, aspettare tra mille quello che ha la voglia di lanciarsi, senza scappare, giocare al rimpiattino, farmi sudare il cuore, volermi solo dalla vita in giù, prendermi saccate di no e darne altrettanto prima di un si unanime.

no no no non ne voglio più sapere.

voglio vivere senza amore.

il sesso ce lo posso avere, il divertimento pure,  faccio come i maschi che non vogliono sistemarsi mai.

a che mi serve l’amore? cosa è l’amore?

qualcuno che mi tiene la mano? lo farai tu!

qualcuno che mi bacia in pubblico? mi limono il primo che mi paga una pizza

il telefonare senza pensare di disturbare? chiamo il centro assistenza Vodafone

le coccole sul divano? piglio un gatto

qualcuno che mi fa la pastina se sto male? che mi cambia la ruota? quello non è amore è dipendenza, è comodità.

l’amore non esiste… è una scusa per non crepare da soli, un palliativo per non trombare a destra e a manca, una consolazione.. un conforto di stupidi terrorizzati dalla vita.

quindi mi stai dicendo che secoli di duelli, canzoni, poesie, morti, avvenuti in nome dell’amore… sono baggianate?

ma si, dai è come la religione, inventi la favoletta per giustificare le cose che accadono..

l’amore non è bisogno.

l’amore è solo una limitazione della libertà, uno sbattimento, inutile orpello in una vita dove conti solo tu.

voglio vivere senza amore.

come ci sono i vegani che vivono senza proteine animali, io posso vivere senza amore.

smettila! che cazzo dici! mio nonno a 87 anni cerca di amare ancora perché non siamo capaci di vivere soli e tu vuoi disimparare ad amare?

si si si… fatemi bere qualunque pozione serva a cancellare questo primitivo sentimento questo biologico attaccamento a qualcuno. liberatemi da questo male.

non voglio più amare e voglio scordare pure come si fa!

Annunci

Informazioni su Emily Dickinside

un diamante dalle mille sfaccettature
Questa voce è stata pubblicata in istruzioni per l'uso. Contrassegna il permalink.

22 risposte a Senzamore

  1. Dora Buonfino ha detto:

    Ottime soluzioni per ovviare alla mancanza! 😀

  2. Carlo Galli ha detto:

    Mmmmm .. vivere senza amore è facile, dato che l’amore non esiste 😀
    Tieni duro!

  3. entomotimica ha detto:

    Ciao, sei stata nominata! Vieni a vedere di cosa si tratta

  4. Renato Gentile ha detto:

    Ci puoi provare, crederci e magari riuscirci a vivere senza amore; non è un bisogno primario ma (but) prima o poi prendi in casa un cane e inizi a parlare come se fosse un umano. Definisci il tuo amore, come deve essere e prima o poi lo riconoscerai, senza cercarlo.

  5. Frank ha detto:

    Qual è il problema? Siamo tutti sulla stessa barca. Pensi che per un uomo sia semplice lavorare su se stesso per acquisire quella sicurezza (l’afrodisiaco potente), in grado di suscitare il vostro interesse e far immaginare chissà quali “misteri” nascosti dietro la sua persona? Guarda, sono un ragazzo molto atipico, ma posso confermarti che buona parte di noi maschi tende a fuggire di fronte a donne indipendenti e forti. E, come un uroboro che si morde la coda, dobbiamo fare i conti con la vostra propensione a scegliere uomini vincenti, con una personalità forte e sicura (solitamente scegliete a cazzo, lasciamo perdere soldi & potere, rimaniamo fra i comuni mortali).
    L’uomo che per anni non riesce a superare le vostre barriere anti-seduzione ha, sì, sempre tempo per rifarsi, ma a differenza di voi, che se aprite le gambe vi ritrovate sul set di un noto film di Hitchcock, il maschio single è un disoccupato che di default non lo caga mai nessuno (e a volte è solo culo se ci imbattiamo lungo i vostri allineamenti astrali). Per cui, sforziamoti di accettarci vicendevolmente (siamo fatti così non cambiamo nemmeno a 70 anni). Io ci sono riuscito, ma a modo mio e con tanta, tanta, tanta fatica, anni di bestemmie, sangue e lacrime. Come fare vedi tu. Non esiste un manuale, ognuno ha il suo stile.

    • Emily Dickinside ha detto:

      Tu hai sempre ragione ma se sappiamo tutto perché ci incasiniamo sempre? Passi io che amo avere l’animo in subbuglio della scrittrice ma il resto del mondo?

      • Francesco ha detto:

        Lo “status” di Amore di coppia inizia ad esistere quando l’altro/a ti ricambia. Prima é solo nevrosi, letteratura, follia naif, lacrime sul cuscino, gelosia animalesca, la fiamma-pilota di uno scaldabagno che attende, attende..L’amore é chimica, ma non ha leggi né regole, ricetta segreta e senza senso. Perché osservando le altre coppie, dosi e ingredienti rivelati risultano assurdi. Come una pizza alla pescatora fatta con il lievito vanigliato! Purtroppo per noi (e mi riferisco a noi maschi) il lavoro di “cuochi” é triplo. Primo, voi avvertite a chilometri di distanza l’odore del maschio che sa apparire sicuro di sé, valutate un uomo in base a come appare in mezzo al contesto, e al riconoscimento che gli danno gli altri. Secondo, non conta cosa facciamo, chi siamo e quali sono i nostri interessi, l’importante é sbattervi in modo egregio, farvi fare bella figura con le galline del pollaio e farvi divertire perché la noia é in agguato. Dare valore, arricchire la vostra vita, questo e solo questo conta. Terzo, giungete al verdetto finale in 7 secondi, e forse meno. “Il mio istinto mi dice che é gay”, in base a delle puttanate che mi rifiuto di mettere per iscritto, oppure “é un morto di fame/figa”, solo perché non hai un lavoro, o sei stato un po’ troppo signore. Quindi bisogna fare attenzione a tutto questo, leggere la prossemica e il linguaggio del corpo, ma al contempo senza dare retta a quello che dite (perché le vostre parole non significano nulla). Aggiungiamo che, se non hai soldi (a meno che tu non sia un parassita manipolatore), una donna non la puoi nemmeno invitare a prendere un caffé, e se la porti a casa vede che riesci a sopravvivere, ma non a darle un tetto, un rifugio: inoltre la tua camera da letto é a metá fra un centro sociale e la tana di un fachiro.
        Non so perché vi incasinate, gli uomini sono accesi o spenti come un relé, per quel che mi riguarda so solo che ho saputo accettare da Uomo tutto questa assurditá. Accettare le regole del gioco, anche se amaramente: tutte le volte che mi sento dire “sei da sposare” mi sale una carogna maledetta!
        Per cui mi spiace “ferirti” (così come affermi), accettaci anche tu!! Accetta quella terra di confine delle apparenze, dei tira e molla, del Gioco. In fondo serve a non farci scivolare nel mercateggio piú puro.

      • Emily Dickinside ha detto:

        La metafora con la fiammella dello scaldabagno mi ha fatto morire.
        Non è vero che guardiamo se potete mantenerci o meno. Mi sono innamorata, nella mia vita anche di morti di fame. Di morti di figa non ricordo…
        Guarda che nonostante biologia e società ci impongano di essere difficili, selezionatrici, e schifiltose, alla fine cediamo a ciò che dice la pancia e se la pancia ci dice di stare con un bidone, una banana, un cesso , un barbone, anche se non socialmente riconosciuto, anche se lo teniamo chiuso in cantina per la vergogna, noi ci innamoriamo.
        Poi oh, io parlo per me… Delle altre ovaiomunite non rispondo.

      • frank ha detto:

        Sante parole, siete il mistero dei misteri

  6. SimoneMartelli ha detto:

    L’amore resiste

  7. Volevolaprinz ha detto:

    Ma amare alla lunga diventa masochismo? O masochismo è decidere di non amare più?

  8. "Cippe's" ha detto:

    L’amore esiste. Punto. E mo vomità pure quanto te pare! 😂 😜

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...