L’amore ai tempi del concorso

Ho accompagnato una persona a fare un concorso.

Uno di quelli lunghi e pieni dove ne esci disfatto più di Napoleone a Waterloo.

Eppure che si vinca o che si perda,bisogna sempre trovare il lato positivo.

Ed uno di questi è l’amore. Perché potrai pure non trovare il lavoro della tua vita ma almeno l’amore…dopo tutto lo sbattone del concorso,ti tocca d’ufficio.

Uno di questi ragazzi con il bollettino del concorso in mano e la testa piena di idee confuse, nel marasma e nella confusione inizia a scambiarsi sguardi e sorrisi con una. La guarda bene, è proprio carina, è valsa la pena farsi un simile sbattone anche solo per guardare lei.

Poi il concorso inizia, il tempo scorre e lui risponde alle sue domande ma ogni tanto per lancia sempre una occhiata alla ragazza, anche solo per vedere se lei fa lo stesso.

Finisce la prova. Lui salta in piedi pronto ad approcciarla, a chiederle di prendersi un caffè, ma la folla dei partecipanti li trascina fuori e li separa e confonde nella bolgia infernale dei concorsuanti stanchi e nervosi.

Cosi lui non si perde d’animo e sperando di incontrarla ancora al prossimo step del concorso, unendo l’utile al dilettevole, usa i social per ritrovarla.

Si iscrive al gruppo Facebook del concorso e scrivendo un così detto off-topic, descrive questa ragazza che gli ha rubato il cuore e lancia l’appello per ritrovarla.

Chissà, magari anche lei è iscritta a quel gruppo e un concorso che magari non darà vita ad un nuovo posto di lavoro, darà invece, l’amore.

O magari tutti e due!

Auguriamo ai nostri due concorsisti di trovarsi e scherzare davanti ad un caffè sulla correttezza risposta A.

Amore e lavoro sono fondamentali per la vita, direi che li dovrebbe passare la mutua come fossero farmaci salvavita ed invece ce li si deve trovare tra le sudate carte e un social network.

Annunci

Informazioni su Emily Dickinside

un diamante dalle mille sfaccettature
Questa voce è stata pubblicata in istruzioni per l'uso. Contrassegna il permalink.

4 risposte a L’amore ai tempi del concorso

  1. Gigi Atene ha detto:

    Auguri al giovine! 🙂

  2. PindaricaMente ha detto:

    Facci sapere come finisce! 😊

  3. AnnaGi ha detto:

    Già… soprattutto il lavoro che – ahimè – di questi tempi è il male peggiore per tanti giovani.
    Ho avuto la fortuna di fare un concorso (e vincerlo), oramai già più di 20 anni fa, e forse il concorso di cui tu parli in questo post è proprio lo stesso mio di allora (del resto non ve ne sono altri di così mega ultra pieni di gente, in giro ultimamente)… il lavoro lo trovai, l’amore all’epoca già c’era… ora mi rivolgerei volentieri alla mutua anche io!!!!
    Sono curiosa di sapere come procede la storia 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...